Il triennio Art-Rock dei Queen (1974-1976)

Tre anni, quattro album, (Queen II, Sheer Heart Attack, A Night At The Opera, A Day At The Races) prima di diventare mainstream.

Una risposta

  1. paul ha detto:

    Ciao!
    Bella analisi.
    Principalmente i difetti dei queen furono a livello di produzione.
    Queen 2 parte bene ma ha un impianto tracking di basso livello.
    March..ha errori di struttura arrangiativa..white queen e’ mixata male..
    La drum in generale fa sorridere(lo dice anche taylor)
    Su stone cold..si la definiscono metal ma per me e’ un hard rock molto tirato(mi piace molto..)
    Pensieri sparsi:
    Il brano arabo era incredibile nel srnso di usare certe melodie nel pop..la batteria pero era migliorabile.
    Il valzer nel 76 in ambito pop era raro..
    Hot space ha buone intuizioni ma serviva moroder.
    Ascolta no more jazz
    A parte il ritornello.. non senti i nirvana? 🙂

    Per finire i queen con produttori piu mirati avrebbero ottenuto di piu.
    Il che e’ pazzesco..
    A fronte di limiti tecnici sgorgava il talento..
    Mercury poi partiva da baritono e ha “rotto” la sua voce per salire..
    Pericoloso..sforzare..
    Bel sito!!!!!
    Ciao mitico!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *