Premiata Forneria Marconi

Il Festival della musica d’avanguardia
e delle Nuove Tendenze del 1971

Il Festival della Musica di Avanguardia e delle Nuove Tendenze arriverà sino alla sua quarta edizione, tenutasi nel 1974, mantenendo sempre alto il livello della musica e degli artisti presentati.

7 Risposte

  1. Mauro ha detto:

    C’ero anch’io, avevo 16 anni. Esperienza indimenticabile. Mi piacerebbe vedere foto e video di quei giorni se ce ne sono in giro.
    In questa pagina vedo che in un video c’è scritto “questo video è privato”, come mai? Non è possibile vederlo?

    • Dino Ruggiero ha detto:

      …purtroppo ci sono poche foto dell’evento: se conservate male infatti le stampe dell’epoca scolorivano ed in generale erano costose e si scattava poco… non parliamo poi dei materiali cinematografici… quel video che indichi è privato e vuol dire che chi l’ha inviato a Youtube poi l’ha ritirato, noi lo lasciamo nella speranza che ci ripensi..!! Ciao e in bocca-al-lupo

  2. moreno ha detto:

    …essendo di Viareggio e di anni ne avevo19 non potei mancare

    il ricordo più forte l’inizio di come come come dei nuova idea

  3. Claudio Ceravolo ha detto:

    Probabilmente era accanto a me.
    Anch’io 17enne appena saputo dell’evento sono andato per partecipare alla manifestazione contro la volontà dei miei genitori, che avevano preoccupazione per quello che poteva succedere, la tensione per quelle prime avventure fuori dalle mura domestiche era alle stelle, la voce di Mia Martini ti dava sensazioni fortissime, poi lo stupore e la curiosità verso alcuni frikkettoni che comunque tenevo alla larga, con scritto sulle camicie “freedom” oppure “Woodstock” chissà cosa volevano dimostrare!! poi gruppetti di giovani più grandicelli che fumavano quelle strane sigarette, ero confuso e affascinato tornai a casa con mille domande e mio padre mi riportò con i piedi per terra, mi aspettava con la cintola dei pantaloni in mano, le spalle mi bruciarono per due giorni, ma quello che avevo vissuto mi fece superare il momento e mi dette forza di affrontare la realtà, col tempo ho riflettuto, non ho mai maledetto mio padre per quella scarica di legnate, quella lezione mi fece considerare con il giusto peso i futuri rapporti che ebbi con i compagni e con tutti quelli che cadevano nel giro delle “cose pesanti” in quei periodi era facile e pericoloso cadere in un vortice più grande di te, comunque quell’esperienza mi ha fatto crescere di colpo e avvicinare ancora di più alla musica, ho vissuto un momento storico , magari accanto a tuo padre, posso capire le sensazioni che gli rievocano l’ascolto della carrozza di Hans durata tantissimo…

  4. SHRC ha detto:

    Bel Post.
    Una curiosità sui Medicine Head è che sono passati loro malgrado alla storia per aver pubblicato nel 1972 un album dal titolo Dark Side of the Moon, album che fu un flop così grande da non creare problemi legali ai Pink Floyd che l’anno successivo pubblicarono il loro Dark Side of the Moon.
    Fosse andato un po’ meglio il disco dei Pink Floyd che ha fatto la storia della musica probabilmente si sarebbe chiamato Eclipse 🙂

    • Dino Ruggiero ha detto:

      …sono felice che te ne ricordi: era un periodo davvero ricco per la musica italiana e questi raduni erano pieni d’energia… c’era molta creatività e poteva succedere di tutto anche che uscissero due Dark Side Of The Moon..!!

      • Name * ha detto:

        Mio Babbo mi racconta con orgoglio la sua presenza al Festival di Viareggio e proprio ieri sera mi ha fatto cercare in lungo e in largo i gruppi presenti alla prima edizione per rivivere quel momento!
        Mi chiedevo se esistessero fotografie di quel momento!Sarebbe incredibile,all’epoca aveva solo 17 anni!

        Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *