Autore: King Crimson
Titolo Album: Red
Anno: 1974


Valutazione: 5/6
Pietra Miliare del Rock

King Crimson | Red (1974)

Il canto del cigno del progressive rock.

2 Responses

  1. Monika ha detto:

    Ciao Valerio, d’accordo su quasi tutto, 🙂
    Comprenderei nella prima fase fiabesca anche LIZARD, le cui sonorità, stile dei brani e della cover sono simili ai primi due. Per quanto riguarda la suite del lato 2 certamente, un po’ meno i pezzi del lato 1. Dopo questo disco, ISLANDS è un capolavoro che rimane a sè stante. C’è Sailor’s tale che potrebbe stare nei dischi precedenti, ma il resto dei brani è originale e unico Formentera lady, the letters, in particolare. Non conosco il cantante (Boz) è bravissimo, degno di Lake. Con Lark’s tongues in aspic inizia la fase “incubo” e sono d’accordissimo che RED ne è la summa. Anzi, direi che i due LP precedenti sono modesti rispetto a RED che invece mi ha conquistata subito.

    • Valerio D'Onofrio ha detto:

      Hai ragione Monika, Lizard è in effetti una via di mezzo tra i primi due album e Island (che fa storia a sè). Condivido anche la divisione che fai tra la prima parte di Lizard con la suite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *